News

Divieti di circolazione dei veicoli pesanti per l'anno 2014

imagesWKQUP17J

E' stato firmato, e registrato dalla Corte dei Conti il 20 Dicembre c.a., a cura del sottosegretario ai Trasporti Erasmo D'Angelis il nuovo Decreto n. 443 del 11/12/2013 che istituisce il calendario dei divieti di circolazione per i veicoli e complessi di veicoli con massa superiore a 7,5 tonnellate nei giorni festivi ed in particolari giorni del 2014.

Perché la limitazione

Questo in ottemperanza all'art. 7 del Regolamento Esecutivo ed Attuativo del Codice della Strada (che parla appunto di "Limitazioni alla circolazione. Condizioni e deroghe", secondo quanto previsto dall'art. 6 del CDS stesso) e al fine di garantire migliori condizioni di sicurezza nella fruizione delle strade da parte degli utenti, tendo conto dei periodi di maggior intensità di circolazione (in concomitanza di week-end, giorni festivi, periodi vacanzieri, ecc.) e data anche la particolare natura dei mezzi (c.d. pesanti), per i quali si dispongono le varie limitazioni.

Ad una prima comparazione del nuovo calendario 2014, rispetto a quello dell'anno precedente, si constata un aumento di ben trentuno ore di libera circolazione in più.
Già a sua volta il 2013 ne consentiva trentotto in più sull'anno precedente, e in definitiva si può affermare che in un biennio, il settore dell'autotrasporto ha guadagnato circa 3 giorni di lavoro in più.

Giorni ed ore di limitazione

In attesa che il Decreto in questione venga pubblicato in Gazzetta Ufficiale, ecco una sintesi dei giorni e degli orari in cui sarà in vigore il divieto di circolazione dei mezzi pesanti:

· Tutte le domeniche dei mesi di gennaio, febbraio, marzo, aprile, maggio, ottobre, novembre e dicembre, dalle ore 08:00 alle ore 22:00
· Tutte le domeniche dei mesi di giugno, luglio, agosto e settembre, dalle ore 07:00 alle ore 24:00
· Dalle ore 08:00 alle ore 22:00 del 1° gennaio
· Dalle ore 08:00 alle ore 22:00 del 06 gennaio
· Dalle ore 14:00 alle ore 22:00 del 18 aprile
· Dalle ore 08:00 alle ore 16:00 del 19 aprile
· Dalle ore 08:00 alle ore 22:00 del 21 aprile
· Dalle ore 08:00 alle ore 14:00 del 22 aprile
· Dalle ore 08:00 alle ore 22:00 del 25 aprile
· Dalle ore 08:00 alle ore 22:00 del 1° maggio
· Dalle ore 08:00 alle ore 22:00 del 2 giugno
· Dalle ore 07:00 alle ore 14:00 del 5 luglio
· Dalle ore 07:00 alle ore 22:00 del 12 luglio
· Dalle ore 07:00 alle ore 22:00 del 19 luglio
· Dalle ore 07:00 alle ore 22:00 del 26 luglio
· Dalle ore 16:00 del 1 agosto alle ore 22:00 del 2 agosto
· Dalle ore 14:00 alle ore 22:00 dell'8 agosto
· Dalle ore 07:00 alle ore 22:00 del 9 agosto
· Dalle ore 07:00 alle ore 22:00 del 15 agosto
· Dalle ore 07:00 alle ore 22:00 del 16 agosto
· Dalle ore 07:00 alle ore 22:00 del 23 agosto
· Dalle ore 08:00 alle ore 22:00 del 30 agosto
· Dalle ore 08:00 alle ore 22:00 del 1° novembre
· Dalle ore 08:00 alle ore 14:00 del 6 dicembre
· Dalle ore 08:00 alle ore 22:00 dell'8 dicembre
· Dalle ore 08:00 alle ore 22:00 del 25 dicembre
· Dalle ore 08:00 alle ore 22:00 del 26 dicembre

Eccezioni e deroghe:

Il divieto nei giorni sopra elencati non trova applicazioni per alcune categorie di veicoli (anche se circolanti senza carico) quali:

1. Mezzi adibiti a pubblico servizio per interventi urgenti e di emergenza, o che trasportano materiali e attrezzi per detti interventi (Vigili del Fuoco, Protezione Civile, ecc.);
2. Mezzi militari o della Croce Rossa Italiana per comprovate esigenze di servizio, e mezzi delle forze di polizia;
3. Mezzi appartenenti agli enti proprietari o concessionari delle strade per motivi urgenti di soccorso;
4. Mezzi delle Poste Italiane con emblemi e contrassegni in evidenza o comunque in possesso di licenze e autorizzazioni rilasciate dal dipartimento per le Comunicazioni del ministero dello Sviluppo Economico, nel caso di espletamento di servizi postali nei giorni di divieto;
5. Mezzi del servizio radio-televisivo, sempre e comunque per ragioni di servizio;
6. Mezzi adibiti al trasporto carburanti e combustibili;
7. Mezzi adibiti al trasporto di animali vivi per competizioni agonistiche autorizzate da effettuarsi o già effettuate nelle quarantotto ore;
8. Mezzi per il trasporto della stampa quotidiana e periodica, di prodotti per uso medico, o latte e liquidi alimentari, e acqua per uso domestico, derrate alimentari deperibili, trasporto esclusivo di prodotti alimentari deperibili (frutta e ortaggi freschi, carni e pesce freschi, derivati del latte freschi) e fiori freschi.

Sono altresì previste ulteriori deroghe per alcune categorie residuali di veicoli, quali trattori, mezzi agricoli diversi, veicoli già prenotati per la revisione periodica e veicoli muniti di autorizzazione prefettizia.
Per tutte le specifiche deroghe e le condizioni per le quali le stesse sono accordate si rimanda alla lettura integrale del Decreto in oggetto.

INTEGRAZIONI E MODIFICHE IN ATTUAZIONE DEL DECRETO DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI N. 115 DEL 27 MARZO 2014

Al Decreto del prefetto di Roma n. 263441 del 28 Dicembre 2013 sono apportate le seguenti modificazioni:

a) All'art. 1 comma 1, all'elenco dei giorni di divieto alla circolazione fuori dei centri abitati ai veicoli ed ai complessi di veicoli per trasporto di cose, di massa complessivia massima autorizzata superiore a 7,5 t, è soppressa la lettera h);

b) all'art. 2 il comma 4 è sostituito dal seguente: "Per i veicoli che circolano in Sardegna, provenienti dalla rimanente parte del territorio nazionale, purchè muniti di idonea documentazione attestante l'origine del viaggio, l'orario di inizio del divieto è posticipato di ore quattro. Per i complessi di veicoli costituiti da un trattore ed un semirimorchio, la deroga applicabile al semirimorchio si intende estesa al trattore stradale anche quando quest'ultimo non sia proveniente dalla rimanente parte del territorio nazionale. Al fine di favorire l'intermodalità del trasporto, la stessa deroga è accordata ai veicoli che circolano in Sicilia, provenienti dalla rimanente parte del territorio nazionale che si avvalgono di traghettamento, ad eccezione di quello proveniente dalla Calabria attraverso i porti di Reggio Calabria e Villa San Giovanni, purchè muniti di idoena documentazione attestante l'origine del viaggio";

c) all'art. 3 comma 1, all'elenco dei veicoli per i quali non trova applicazione il divieto di cui all'art. 1 del medesimo decreto, la lettera r) è sostituita dalla seguente: "r) per il trasporto esclusivo di prodotti alimentari deperibili, quali frutta e ortaggi freschi, carni e pesci freschi, latticini freschi, derivati del latte freschi, e per il trasporto di fiori recisi, semi vitali mìnon ancora germogliati, pulcini destinati all'allevamento, animali vivi destinatialla macellazione o provenienti dall'estero, nonchè i sottoprodotti derivanti dalla macellazione di animali. Detti veicoli devono essere muniti di cartelli indicatori di colore verde delle dimensioni di 0,50 m di base e 0,40 di altezza, con impressa in nero la lettera "d" minuscola di altezza pari a 0,20 m fissati in modo ben visibile su ciascuna delle fiancate e sul retro".

Rimane valida ogni altra disposizione contenuta nel Decreto prefettizio n. 263441/2013.

StampaEmail

Articoli correlati

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Guarda nel dettaglio i termini della legge privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.